News

Sblocca Cantieri: in Gazzetta il Decreto Legge 18 aprile 2019, n. 32
Con la pubblicazione in Gazzetta viene  confermata la bozza che era circolata negli ultimi giorni con le modifiche al  D.Lgs. n. 50/2016  (c.d.  Co...
leggi...

Modifiche articolo 80 del D. Lgs 50/2016.
Con il Decreto Legge n. 13 5/2018   " Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazion...
leggi...

Newsletter

News

Adunanza Plenaria su oneri di sicurezza e lex specialis

L’Adunanza Plenaria, con la sentenza del 20 marzo 2015 ha affermato il seguente principio di diritto: “Nelle procedure di affidamento di lavori i partecipanti alla gara devono indicare nell’offerta economica i costi interni per la sicurezza del lavoro, pena l’esclusione dell’offerta dalla procedura anche se non prevista nel bando di gara”.

La V Sezione Consiglio di Stato aveva rimesso all’Adunanza Plenaria l’esame della questione di diritto attinente alla corretta interpretazione dell’art. 87, comma 4, del Codice dei Contratti, relativo agli oneri aziendali, ai sensi del quale <<Non sono ammesse giustificazioni in relazione agli oneri di sicurezza in conformità all’articolo 131, nonché al piano di sicurezza e coordinamento di cui all’articolo 12, decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 e alla relativa stima dei costi conforme all’articolo 7, decreto del Presidente della Repubblica 3 luglio 2003, n. 222. Nella valutazione dell’anomalia la stazione appaltante tiene conto dei costi relativi alla sicurezza, che devono essere specificamente indicati nell’offerta e risultare congrui rispetto all’entità e alle caratteristiche dei servizi o delle forniture.>>

La questione che si poneva è se questa disposizione riguardasse soltanto gli appalti di servizi e di forniture, cui si riferisce espressamente l’inciso finale del testo, o si applicasse anche ai contratti pubblici relativi ai lavori.

La V sezione ha chiesto all’Adunanza Plenaria, in particolare, di verificare se, in ogni caso, la sanzione dell’esclusione debba essere comminata anche laddove l’obbligo di specificazione degli oneri non sia stato prescritto dalla normativa di gara; e se, ai fini della soluzione, possa avere rilievo la peculiarità della fattispecie, data dalla circostanza che viene in rilievo un appalto integrato, caratterizzato dall’affidamento congiunto della progettazione esecutiva e dell’esecuzione dei lavori sulla scorta di un progetto definitivo predisposto dalla stazione appaltante.

Ad avviso dell’A.P. non emergono da nessuna delle norme del Codice e Regolamento di esecuzione, prescrizioni o elementi preclusivi dell’indicazione dei costi interni nelle offerte per l’affidamento di lavori. Mentre assume invece rilievo decisivo la circostanza che l’obbligo di procedere alla previa indicazione di tali costi, pur se non dettato expressis verbis dal legislatore, si ricava in modo univoco da un’interpretazione sistematica delle norme regolatrici della materia date dagli articoli 26, comma 6, del d.lgs. n. 81 del 2008 e 86, comma 3-bis, e 87, comma 4, del Codice.

L’Adunanza ha argomentato che tali norme presentano delle incongruenze che si superano attraverso una lettura delle norme costituzionalmente orientata che porta a ritenere l’obbligo dei concorrenti di presentare i costi interni per la sicurezza del lavoro anche nelle offerte relative agli appalti di lavori, ricostruendosi il quadro normativo, in sintesi, nel modo seguente:

“-a) le stazioni appaltanti, nella predisposizione degli atti di gara per lavori e al fine della valutazione dell’anomalia delle offerte, devono determinare il valore economico degli appalti includendovi l’idonea stima di tutti i costi per la sicurezza con l’indicazione specifica di quelli da interferenze; i concorrenti, a loro volta, devono indicare nell’offerta economica sia i costi di sicurezza per le interferenze (quali predeterminati dalla stazione appaltante) che i costi di sicurezza interni che essi determinano in relazione alla propria organizzazione produttiva e al tipo di offerta formulata;

-b) la ratio del puntuale richiamo, nell’art. 87, comma 4, secondo periodo del Codice, della specifica indicazione dei costi per la sicurezza per le offerte negli appalti di servizi e forniture appare individuabile, in questo quadro, in relazione alla particolare tipologia delle prestazioni richieste per questi appalti rispetto a quelli per lavori e alla rilevanza di ciò nella fase della valutazione dell’anomalia (cui la norma è espressamente riferita); il contenuto delle prestazioni di servizi e forniture può infatti essere tale da non comportare necessariamente livelli di rischio pari a quelli dei lavori, rilevando l’esigenza sottesa alla norma in esame, pur ferma la tutela della sicurezza del lavoro, di particolarmente correlare alla entità e caratteristiche di tali prestazioni la giustificazione dei relativi, specifici costi in sede di offerta e di verifica dell’anomalia.”

L’Adunanza Plenaria per quanto argomentato ritiene che nelle procedure di affidamento relative ai contratti pubblici di lavori i concorrenti debbano indicare nell’offerta economica i costi per la sicurezza interni o aziendali.

Per ulteriori approfondimenti si allega il testo della sentenza



scarica allegato


leggi tutte le notizie 

categorie soa

News

Sblocca Cantieri: in Gazzetta il Decreto Legge 18 aprile 2019, n. 32
Con la pubblicazione in Gazzetta viene  confermata la bozza che era circolata negli ultimi giorni con le modifiche al  D.Lgs. n. 50/2016  (c.d.  Co...
leggi...

Modifiche articolo 80 del D. Lgs 50/2016.
Con il Decreto Legge n. 13 5/2018   " Disposizioni urgenti in materia di sostegno e semplificazione per le imprese e per la pubblica amministrazion...
leggi...

Newsletter

giustificazioni offerte OG1